RECUPERO CREDITI: VINCOLO SUI FONDI DEL DEBITORE

banche
Anche il sistema italiano si rinnova: è infatti al vaglio del Parlamento il recepimento del regolamento UE, che introduce il sequestro conservativo (OESC) dei conti bancari per facilitare il recupero transfrontaliero dei crediti civili e commerciali.

Sarà questo un ostacolo in meno per i creditore, con l’attivazione di un percorso più semplice ed economico, che vincolerà i fondi del debitore in attesa dell’esecuzione.

Un’innovazione, la suddetta, determinata dal regolamento 655/2014, tesa ad inibire al debitore qualsivoglia volontà di compromettere il recupero del credito, attraverso il trasferimento anticipato del proprio denaro. Un meccanismo, quello appena accennato, che avverrà senza il consenso del debitore stesso.